Il Borg0

San Rocco è una frazione di 233 abitanti ubicata nella zona collinare di Camogli, a sud della cittadina del Golfo Paradiso, ad occidente rispetto al promontorio del monte di Portofino.

Si trova  a 221 m sul livello del mare e dista circa 4,5 km dal capoluogo comunale.

Elemento caratterizzante il paesaggio di questo versante del Monte di Portofino rivolto al Golfo Paradiso e architettura emergente all’interno del nucleo di case costituenti la frazione è la Chiesa Parrocchiale di San Rocco. Edificata nel 1863 sul luogo di una preesistente cappella del XV secolo, già dedicata al santo di Montpellier, conserva al suo interno un monumentale cornicione marmoreo di Bernardo Schiaffino che racchiude il dipinto Madonna della Salute di Carlo Dolci. Insieme alla Chiesa di San Rocco,

la cui dedicazione al Santo sembrerebbe risalire alla peste del 1384, ricordiamo la Chiesa romanica di San Nicolò di Capodimonte.

Fondata, secondo la tradizione, nel XII secolo dai monaci di San Rufo nei pressi di una già presente cappella di San Romolo del 345, abbandonata dal XV secolo per le frequenti incursioni dei pirati e trasformata in abitazione civile dopo l'editto napoleonico, fu riaperta nuovamente al culto religioso dal 1870. Tra le tracce di affreschi vi è la raffigurazione di una Madonna che protegge un'imbarcazione,

la  Stella Maris, ripresa nel mosaico di Punta Chiappa e oggetto di venerazione durante le omonime festività religiose.

Monumenti e punti panoramici, li ritroviamo in perfetta fusione nella piazza della Chiesa di San Rocco, da cui si può godere di una spettacolare vista sul Golfo Paradiso, su Genova e parte della riviera di Ponente fino alle Alpi Marittime. Ma la piazza è anche centro del nucleo del borgo sviluppatosi principalmente presso la Chiesa e lungo l'unica arteria stradale, nonché punto nodale da cui si dipartono tre antichi tracciati pedonali: il primo permette di raggiungere il centro di Camogli costeggiando il torrente Gentile; il secondo, a lato della chiesa e a ridosso del mare, arriva al nucleo del borgo denominato Mortola, per proseguire fino alle Batterie , oppure, scendendo prima di Mortola, congiunge San Rocco alla sottostante e antica chiesa di San Nicolò di Capodimonte proseguendo fino alla scogliera di Punta Chiappa; il terzo, in salita, attraversa gli uliveti e le fasce dell’abitato dei Galletti, con la presenza delle caratteristiche edicole dipinte che ripercorrono le tappe della Via Crucis,  e oltrepassato il piccolo altare del Sacro Cuore, la mulattiera si inoltra nel fitto bosco di castagni per arrivare a Portofino Vetta, crocevia di altri sentieri per altrettante destinazioni all’interno del Parco di Portofino. Tra i vari siti d’interesse storico e paesaggistico: la baia di San Fruttuoso con l’omonima Abbazia, monastero benedettino del X secolo e il Cristo degli abissi; la torre dei Doria, struttura difensiva della seconda metà del XVI secolo; i resti dei bunker costruiti durante la seconda guerra mondiale a difesa del territorio; la suggestiva Cala dell’Oro, piccola baia incontaminata dalla ricca vegetazione e dai fondali marini protetti; la Tonnarella, autentica tradizione marinara di Camogli risalente almeno agli inizi del XVII secolo.

Gli eventi principali sono:

  • Festa patronale di San Rocco, il 16 agosto.

  • "Premio Internazionale Fedeltà del Cane", il 16 agosto durante le celebrazioni patronali della frazione.

  • Festa della Madonna della Salute, due domeniche dopo Pasqua.

  • "Sagra della capponadda", sagra gastronomica del piatto più tipico della cucina di Camogli. Tradizionalmente si svolge nel mese di luglio. 

Altri eventi:

Due manifestazioni  concentrate nel periodo natalizio, che vedono la partecipazione degli abitanti del borgo e non solo:​

  • Babbo Natale, organizzato in collaborazione con la protezione civile, dedicato ai bambini

  • La Tombola della Befana, per tutti

©2020 Associazione per la Valorizzazione Turistica di San Rocco di Camogli  email: avtsanrocco@gmail.com